IN MEMORIA DEL PASTORE REMO CRISTALLO
7 agosto 2017
“PICCIRIDDA” – LA RECENSIONE AL LIBRO DI CATENA FIORELLO – di A.Iovino
3 settembre 2017
Guarda tutto

“QUANDO SI PERDE IL CORAGGIO, SI PERDE TUTTO” – Prefazione di A.Iovino al libro di Chrissy Cymbala

PREFAZIONE

“Ritengo che resterete toccati e sfidati dal suo libro profondo e commovente”. Ecco, queste sono le parole del Dr. Ravi Zacharias che ben presentano la natura di questa fatica letteraria di Chrissy Cymbala Toledo, “la ragazza della canzone”. Questo libro è un manifesto di coraggio e carità cristiana. Leggendolo mi sono convinto che questo testo può essere di grande benedizione per tanti, soprattutto i credenti. Ma chi è Chrissy Cymbala?

Figlia di Jim e Carol, fondatori del Brooklyn Tabernacle, uno delle chiese più importanti degli USA, è cresciuta con insegnamenti cristiani, in una famiglia unita e molto impegnata per l’opera di Dio. Ma l’autrice è oggi molto di più. E’ una straordinaria donna di Dio, che con un atto di coraggio ha deciso di raccontare le tempeste che hanno fatto irruzione nella sua vita in modo violento e traumatico. Ma qualcuno può chiedersi: come può essere la vita della figlia di un pastore se non tutta casa e chiesa? Sarà sicuramente una vita spiritualmente dorata, giusto?

Ahimè, non è sempre così. Questo costituisce l’originalità di questo racconto di vita. Non vi aspettate che sia leggero e scontato. Questa lettura vi sorprenderà, ma sarà di grande stimolo. Quante volte nella nostra vita siamo bombardati da “voci e sensazioni” che ci spingono a comportaci come non vorremmo, facendoci precipitare in un vortice di peccato e oscurità spirituale. Ecco, questo è ciò che è accaduto a Chrissy. Proprio lei, la figlia del pastore, quella che avrebbe dovuto vivere con serenità spirituale la sua esistenza. Invece quelle voci hanno finito per distruggere la sua vita. Una vita che però è stata riformata da Gesù, attraverso l’amore di chi l’ha seguita e mai abbandonata. Un rapporto difficile con i genitori, stanchi delle delusioni e delle scelte sbagliate di questa figlia, anni di dolore e sofferenza, che però in un attimo – sì, proprio pochi minuti – vengono cancellati dalla potenza di Cristo in una cucina (leggendo lo scoprirete). Questo libro mi ha insegnato che quando Dio opera, per quanto il nostro passato sia tenebroso e peccaminoso, viene cancellato, anzi imbiancato da Gesù il Signore. I periodi tormentati, le voci che ci hanno perseguitato, i vizi che ci hanno oppresso diventano un lontano ricordo. Così è stato per Chrissy, così può essere per te, caro lettore. Devi credere, devi chiedere perdono, devi essere disposto ad arrenderti totalmente a Dio.

E’ davvero speciale il ritratto che questa figlia compie dei suoi genitori, in molti parti del libro, ma particolarmente nel capitolo 4. “Pennellate” di amore ed affetto immenso per questa coppia usata da Dio: la dedizione alla preghiera del pastore Jim e il talento divino della moglie Carol per la musica.

Ma essere “figlia di” è forse bastato? No, purtroppo. Essere figli e nipoti di uomini di Dio non significa essere in automatico figli di Dio, anzi. Questo libro ci insegna che il più delle volte è ancora più difficile. Come per la legge del contrappasso, mentre l’opera ministeriale di Cymbala cresceva sempre più, nella vita della loro figlia si affacciava l’oppressione ed il peccato.

Ammiro e stimo Chrissy. Ha scritto un libro difficile, non convenzionale. La sua vita, la sua famiglia, la sua testimonianza ed infine questo libro, possono essere racchiusi in un sola parola: coraggio.

Billy Graham disse: “ … quando si perde il coraggio, si perde tutto”. Per questo sono grato a Chrissy per averci dimostrato che ci sono momenti e periodi in cui possiamo perdere il coraggio, ma l’importante è saper ritrovarlo. Dio ci indicherà la strada. E come per Chrissy, ci scopriremo più forti di prima.

Alessandro Iovino

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *